Descrizione e benefici

Ti senti scarico? Stanco? Spossato?

LIBIDO BOOSTER è un un composto di estratti naturali e amminoacidi perfettamente formulato in un unico prodotto per aumentare la libido e stimolare la produzione endogena di testosterone. Ottimo anche come tonico rinvigorente sessuale.

– TRIBULUS TERRESTRIS: In grado di agire naturalmente stimolando LH (ormone luteizzante) . Il Tribulus Terrestris agisce direttamente sul corpo, operando sull’equilibrio ormonale attraverso alcune sostanze che sono presenti nelle radici e nei frutti della pianta. L’effetto primario di queste molecole è quello di stabilizzare i livelli di ormoni nell’organismo e, in particolare, regolare quelli di testosterone.

Il testosterone è un ormone molto importante prodotto dai testicoli e dalla ghiandole surrenali nell’uomo. Regola diverse funzioni fisiologiche tra cui la sintesi proteica, ossia favorisce la costruzione di proteine da parte del corpo
(che utilizza gli amminoacidi assorbiti durante la digestione).

Quando i livelli di testosterone sono bassi si ha un calo di libido e di desiderio sessuale, si è depressi, letargici, deboli, impotenti, la sintesi proteica avviene lentamente e, quindi, l’organismo non ha il materiale per costruire nuovo tessuto muscolare.

Quando questa sostanza, invece, è in concentrazione normale o superiore il processo di aumento della massa è molto più rapido e si ha un beneficio in totale sulla salute.

Tra tutti questi composti, ed altri ancora in fase di individuazione, ci si è soffermati su un principio, la PROTODIOSCINA, che sembra essere responsabile degli effetti simil-anabolici e stimolanti di questa pianta. Uno studio condotto su modelli animali, ratti e conigli, ha infatti dimostrato come questo composto, appartenente alla famiglia della saponine, possa incrementare sensibilmente i livelli di ormone luteinizzante (LH), deidroepiandrosterone (DHEA), testosterone, diidrotestosterone
e aumentare sia la spermatogenesi che la frequenza degli accoppiamenti.

– PERFORMANCE SESSUALE:
Non solo garantisce rapporti più intensi e soddisfacenti, ma può aiutare a risolvere eventuali problemi di disfunzione erettile e persino migliorare la fertilità (aumentando il volume spermatico prodotto).

-ESTRATTO DI FIENO GRECO:
Il fieno greco era utilizzato nella medicina popolare per combattere parassiti intestinali o come epatoprotettore e galattogogo (favorente la lattazione). Il fieno greco è da sempre conosciuto e apprezzato come “ricostituente”, antianemico, anabolizzante e antiulcera, ipolipidemizzante
ed ipoglicemizzante.

L’utilizzo del fieno grecoviene fatto per contrastare la perdita di appetito (uso interno) e per il trattamento delle infiammazioni cutanee (uso esterno).
Tuttavia, da alcuni studi svolti, pare che la pianta eserciti la sua azione favorendo la secrezione di insulina da parte delle cellule β del pancreas e che, allo stesso tempo, inibisca l’attività di enzimi coinvolti nel metabolismo dei carboidrati, quali la saccarasi e l’alfa-amilasi.
Nella medicina popolare il fieno greco viene utilizzato internamente per trattare il diabete e il catarro del tratto respiratorio superiore; inoltre, trova impiego come rimedio galattogogo.
Mentre nella medicina indiana la pianta viene utilizzata per il trattamento di vomito, anoressia, coliti, febbre, tosse e bronchiti.
L’estratto di semi di fieno greco vanta proprietà ricostituenti e stimolanti che lo rendono indicato in caso di denutrizione, anemia, gracilità infantile, convalescenza e allattamento (le sue proprietà emmenagoghe erano già note ai tempi degli antichi egizi).

Lo studio, condotto su 60 uomini, tra i 25 ed i 52 anni, divisi in due gruppi: il primo consumava fieno greco, il secondo (in cieco, cioè senza saperlo)
un placebo, cioè un prodotto simile ma senza fieno greco, sembra confermare il dato.
La somministrazione del prodotto avveniva due volte al giorno, pari a 600mg/die, per sei settimane e, ad intervalli regolari (dopo tre e sei settimane), i soggetti venivano poi intervistati tramite questionari specifici.
Il risultato riferito è che il desiderio sessuale dei maschi del primo gruppo, cioè quelli che prendevano veramente il fieno greco, era almeno del 25% superiore a quello dei consumatori di placebo e tale crescita risultava evidente già dopo le prime tre settimane.

-ESTRATTO DI RADICE DI MACA:
La maca, un rimedio adattogeno: Assumere la maca aumenta le capacità di adattamento dell’organismo ad agenti stressanti di varia natura, ed è in grado di equilibrare e stabilizzare il sistema cardiovascolare, il sistema muscolare e quello linfatico. Inoltre contrasta l’osteoporosi, rafforza il sistema immunitario e sostiene
il sistema nervoso, incrementando la concentrazione, la lucidità mentale e la memoria.
La maca è utile in particolare per le “sindromi da vuoto energetico”, caratterizzate da stanchezza costante, caduta dei capelli, pelle atona e calo del desiderio sessuale. Inoltre aumenta la resistenza fisica, contrasta la fame nervosa, previene la caduta dei capelli, mantiene la pelle tonica e ben idratata e le ossa elastiche, tonifica i muscoli e fa aumentare la massa magra.

Maca, un grande tonico sessuale:
Ma il campo in cui la maca dà il meglio di sé è quello delle problematiche sessuali, maschili e femminili. La maca è famosa infatti per le sue proprietà afrodisiache perché contiene alcaloidi che, agendo su ipofisi e ipotalamo, contrastano gli squilibri ormonali da cui originano non solo la perdita del desiderio, ma anche le disfunzioni sessuali e l’infertilità maschile e femminile. Numerose ricerche hanno infatti dimostrato che, nelle donne, la maca agisce stimolando la maturazione
dei follicoli di Graff, mentre nei maschi aumenta sia il volume spermatico che il numero e la vitalità degli spermatozoi. Inoltre è consigliata in tutti i casi di sindrome pre-mestruale e di ciclo doloroso o irregolare, ma anche durante la gravidanza e l’allattamento perché tonifica l’utero e promuove la lattazione.

-CONTRASTA CALO LIBIDICO E ANORGASMIA:
La maca è un ottimo rimedio anche contro le problematiche sessuali indotte, in particolar modo contro il calo libidico e l’anorgasmia causate da ansia da prestazione, calo del tasso ormonale o dall’assunzione di farmaci pressori, ormoni
o antidepressivi: i suoi alcaloidi agiscono su ipofisi e ipotalamo, ripristinando l’equilibrio ormonale e rilassando la tensione.
La maca trova impiego come rimedio adattogeno, ossia come rimedio per migliorare le resistenze aspecifiche dell’organismo in risposta agli stimoli di stress esterno, sia fisico che psichico. Infatti, la maca è oggi presente in integratori e prodotti naturali utilizzati, appunto, come adattogeni e ricostituenti da sportivi e convalescenti.
A questa pianta, però, vengono anche ascritte proprietà afrodisiache e la capacità di aumentare la fertilità maschile.
Tali attività – attribuite alla maca già in tempi antichi dalla medicina popolare – sono state confermate da alcune ricerche condotte in merito.
Più nel dettaglio, da uno studio condotto su uomini adulti è emerso che l’assunzione di un estratto di maca per quattro mesi ha prodotto un aumento del volume di sperma, del numero degli spermatozoi e della loro motilità, senza, però, alterare i valori ematici di LH, FSH, prolattina, testosterone ed estradiolo.
Inoltre, uno studio condotto su animali ha anche dimostrato un’attività di tipo afrodisiaco esercitata dalla stessa pianta.

– ACIDO ASPARTICO:
L’acido aspartico svolge anche un ruolo importante come disintossicante del sangue, favorendo anche il funzionamento di altri organi:

  • protegge il fegato dalle malattie, contribuendo ad espellere l’ammoniaca prodotta nel metabolismo attraverso le vie urinarie;
  • collabora al buon funzionamento cellulare dell’organismo, partecipando alla produzione e all’espulsione degli ormoni;
  • legandosi a potassio e magnesio durante il metabolismo, ringiovanisce l’attività cellulare;
  • assiste nella formazione di acido glutammico, stimolando le connessioni cerebrali;
  • insieme a magnesio, calcio e potassio aiuta a mantenere il sistema cardiovascolare;
  • stimola la funzione del DNA e dell’RNA come portatori di informazioni genetiche;
  • è essenziale per il normale funzionamento del sistema nervoso;
  • interviene nell’elaborazione del glucosio durante il processo di gluconeogenesi per produrre energia all’organismo;
  • moltiplica l’assorbimento, la circolazione e l’utilizzo di minerali attraverso la mucosa intestinale, il sangue e le cellule;
  • aumenta i livelli di testosterone promuovendo la crescita muscolare e lo sviluppo. L’integrazione dei processi presieduti dall’acido aspartico concorre pertanto a procurare notevoli benefici all’organismo degli esseri viventi ed in particolare di quello umano.

L’acido aspartico pertanto:

  • accelera il metabolismo, che produce un maggior consumo di calorie, anche se il corpo rimane in uno stato di riposo;
  • aumenta la tolleranza e le prestazioni fisiche nelleattività sportive, favorendo l’ossidazione dei grassi e riducendo la fatica o la depressione;
  • nelle donne stimola l’ovulazione e il ciclo mestruale, negli uomini aumenta la lividezza producendo una maggiore stimolazione;

È, in generale, un elemento molto importante per aumentare i livelli di memoria, apprendimento ed equilibrio del corpo.

– ZINCO:
Lo zinco è un minerale essenziale diffuso in tutte le cellule e tutti i tessuti del corpo umano, è coinvolto in più di 300 reazioni enzimatiche e ha effetti su circa 2000 trascrizioni genetiche di DNA e RNA. Tra le funzioni principali dello zinco troviamo il suo coinvolgimento nel:

  • metabolismo del colesterolo;
  • metabolismo glucidico;
  • la regolazione del trasporto e azione degli ormoni tiroidei;
  • regola lo sviluppo sessuale sia nell’uomo che nella donna;
  • regola la fertilità bilanciando sia i livelli di androgeni che di estrogeni;
  • ha azione antinfiammatoria;
  • regola l’asse ipotalamo-ipofisi-surreni;
  • nutre i follicoli e stimola una regolare ovulazione e produzione di progesterone.

Migliora la fertilita’
Lo zinco ha un ruolo importante nella maturazione dei follicoli e stimola una regolare ovulazione.
Tra le donne affette da PCOS quelle con livelli ottimali di zinco hanno più frequentemente cicli regolari e ovulatori.

Riduce irsutismo, acne e perdita di capelli
Lo zinco è un inibitore naturale degli androgeni impedendo la conversione del testosterone in diidrotestosterone (DHT), e questo aiuta nella riduzione di molti dei sintomi tipici dell’iperandrogenismo: perdita di capelli, acne e irsutismo.
Lo zinco si trova anche nei follicoli piliferi e si ritiene che inibisca la caduta dei capelli e contemporaneamente ne stimoli la ricrescita.
L’acne, essendo aggravata da uno stato infiammatorio cronico della cute trae ulteriore beneficio da livelli adeguati di zinco, che svolge un’azione antiossidante prevenendo il danno cellulare e l’infiammazione legati allo stress ossidativo.

Migliora l’insulino resistenza
Lo zinco è coinvolto nella sintesi, conservazione e rilascio di insulina. Si ritiene che l’insulina si leghi allo zinco e che insieme di leghino ai recettori cellulari dell’insulina per consentire al glucosio di entrare nelle cellule.
Diversi studi hanno evidenziato come sia le donne affette da insulino-resistenza sia i pazienti diabetici di tipo II,abbiano facilmente livelli bassi di zinco plasmatico.

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “Libido Booster”

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati

Libido Booster

39,00