Descrizione e benefici

Omega 3 plus è un omega 3 ultra concentrato a doppia potenza ogni capsula, cioè consente di ridurre il quantitativo di capsule da ingerire giornalmente rispetto all’omega standard

Il nostro omega 3 proviene interamente da olio della migliore qualità da acciughe selvagge pescato in modo sostenibile.

Da un punto di vista nutrizionale esistono differenze immediatamente percepibili:

  • Il salmone selvaggio ha un maggiore contenuto di acidi grassi Omega 3
  • Il salmone da allevamento contiene un maggior numero di calorie
  • Abbassano il livello di colesterolo cattivo (LDL) complessivo alzando il livello di quello buono (HDL);
  • Contrastano i radicali liberi (grazie al contenuto di astaxantina) rallentando l’invecchiamento di cellule e tessuti, mantenendo la pelle sana;
  • Proteggono il sistema cardiovascolare (abbassando i livelli di trigliceridi ed impedendo l’accumulo di questi grassi);
  • Prevengono l’insorgere di trombosi, ictus, ipertensione ed ipergliceridemia;
  • Hanno proprietà antinfiammatorie, sono in grado di ridurre le infiammazioni causate da varie forme di artrite;
  • Riducono il livello di diabete mellito di tipo 2;
  • Favoriscono la crescita della massa muscolare, perciò il salmone viene consumato anche dagli sportivi;
  • Possono prevenire i tumori;
  • Aiutano anche il cervello riducendo il declino delle abilità mentali ed agendo da antidepressivi naturali.

INOLTRE:

  • è un potente antiossidante e antinfiammatorio.
  • Migliora la circolazione sanguigna.
  • Protegge i mitocondri rinforzando le membrane cellulari
  • Potenzia la produzione di energia dei mitocondri.

Gli acidi grassi Omega-3 sono un tipo di grassi polinsaturi considerati essenziali perché l’organismo umano non è in grado di sintetizzarli  in quantità sufficienti per soddisfare i suoi fabbisogni.

Un primo ruolo degli Omega-3 è di tipo strutturale; infatti questi acidi grassi si inseriscono fra i fosfolipidi delle membrane cellulari, rendendole più fluide. Inoltre queste molecole sono utilizzate come materiale di partenza per la sintesi di altre sostanze dagli importanti ruoli funzionali, in particolare molecole dall’azione antinfiammatoria. Le proprietà degli Omega-3 sono utili sin dalla gestazione, quando aiutano lo sviluppo corretto del sistema cardiovascolare, del cervello e degli occhi del bambino.                                                                                                                        E sempre per proteggere cuore, arterie, sistema nervoso e vista è importante garantirsene livelli adeguati anche durante il resto della vita.  Infatti diversi studi hanno associato agli Omega-3 effetti antinfiammatori e anticoagulanti, la capacità di controllare il colesterolo e i trigliceridi nel sangue e quella di abbassare la pressione, ma non solo. Secondo alcune ricerche questi acidi grassi potrebbero ridurre anche il rischio e i sintomi di problematiche come l’ictus, le malattie infiammatorie intestinali, l’artrite reumatoide, l’asma, il diabete, il declino cognitivo e l’ictus.  

L’azione esercitata dagli Omega-3 contro l’infiammazione è stata associata anche ad effetti positivi contro le malattie infiammatorie intestinali (rettocolite ulcerosa e malattia di Crohn) e alcune patologie reumatologiche a base autoimmune. Inoltre questi acidi grassi sono stati associati alla regolazione della risposta immunitaria e di alcuni fattori di crescita – con potenziali risvolti anche nel controllo della proliferazione delle cellule e della lotta ai tumori.

Acidi grassi Omega tre: EPA, DHA e ALA


Il capostipite della famiglia degli Omega-3 è l’acido alfa-linolenico(ALA), un nutriente considerato essenziale perché le cellule umane non sono in grado di sintetizzarlo. Dopo essere stato assunto l’acido alfa-linolenico viene convertito in altri grassi polinsaturi – l’EPA (acido eicosapentaenoico) e il DHA (acido docosaesaenoico) che sono gli Omega-3 biologicamente attivi responsabili dei benefici associati a questi acidi grassi.

Purtroppo però l’organismo non riesce a produrre quantità di EPA e DHA sufficienti a soddisfare i suoi fabbisogni. Infatti per farlo deve prima convertire l’ALA in EPA, ma questa una reazione ha un’efficienza pari solo al 5%. Un secondo passaggio permette poi di ottenere il DHA a partire dall’EPA, ma l’efficienza della conversione dell’ALA in EPA più DHA è inferiore allo 0,4%, e meno dello 0,1% dell’ALA assunto viene convertito dall’organismo umano in DHA.

EPA e DHA, acidi grassi omega 3

L’Efsa ha approvato le dichiarazioni nutrizionali secondo cui EPA e DHA:

• aiutano a mantenere nella norma la pressione del sangue e i livelli ematici di trigliceridi;

• contribuiscono al buon funzionamento del cuore. Inoltre l’Efsa autorizza anche ad affermare che il DHA;

• contribuisce al normale sviluppo del cervello e al suo buon funzionamento;

• promuove il corretto sviluppo degli occhi, della vista nel primo anno di vita e della buona salute visiva. Infatti questo Omega-3 è un componente fondamentale del cervello e corrisponde al 50% circa del peso delle membrane dei neuroni.

La sua presenza e la sua attività influenzano direttamente lo sviluppo e il funzionamento del cervello attraverso numerosi meccanismi, inclusi il mantenimento dell’integrità delle membrane, la trasmissione del segnale nervoso, la produzione di neuroni a partire dalle cellule staminali, il funzionamento dei recettori di membrana e il passaggio dei segnali all’interno delle cellule.

Potente alleato di…

  • Cuore
  • Ansia e Stress
  • Pelle
  • Cervello
  • Sistema Immunitario
  • Libido
  • Menopausa
  • Articolazioni
  • Unghie e Capelli

Omega-3 e il cuore
Uno dei modi migliori per mantenere un cuore in salute consiste nel seguire un regime alimentare ricco di Omega-3.

La dose giornaliera minima raccomandata per una popolazione adulta sano è di 250 mg di EPA+DHA.

Secondo l’American Heart Association (AHA) la dose minima di Omega-3 per chi ha sofferto di un attacco cardiaco è di 900 mg.

Omega-3 in gravidanza
Durante la gravidanza il fabbisogno di Omega-3 aumenta per far fronte alle necessità del feto, che ne ha bisogno per un corretto sviluppo del sistema nervoso centrale e degli occhi.

Omega-3 per bambini
I fabbisogni di Omega-3 sono particolarmente elevati anche durante i primi 2 anni di vita. Il motivo è lo stesso che li aumenta durante la gravidanza: far fronte alle necessità del sistema nervoso e degli occhi. Per questo l’assunzione di un integratori a base di DHA è consigliata anche alle donne che allattano al seno. Inoltre l’uso degli integratori di Omega-3 è stato sperimentato con risultati incoraggianti nel trattamento della sindrome da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) e dei disturbi del sonno nei bambini.

Omega-3 per dimagrire
Gli Omega-3 interagiscono con il metabolismo dei grassi; per questo sono stati sperimentati anche per prevenire l’aumento di peso e per dimagrire. Attualmente non si può escludere che l’uso di integratori possa aiutare a non far ingrassare o a dimagrire. È però probabile che l’assunzione di Omega-3 possa far dimagrire solo se abbinata a un adeguato esercizio fisico e a una dieta ipocalorica.

Omega-3 e diabete
Alcuni studi suggeriscono che gli Omega-3 potrebbero essere utili nella terapia del diabete di tipo 1, una malattia di origine autoimmune. Nel caso del diabete di tipo 2, invece, sembra che gli integratori di olio di pesce con Omega-3 possano ridurre il rischio di insorgenza della patologia. Inoltre nei pazienti con diabete di tipo 2 l’uso degli integratori di Omega-3 è stato associato alla riduzione dei trigliceridi. Allo stesso tempo, però, è stato correlato anche a un aumento del colesterolo “cattivo” nel loro sangue.

Omega-3 e acne
Uno studio clinico ha dimostrato che l’assunzione di 2 grammi di EPA e DHA al giorno potrebbe essere utile nel trattamento dell’acne. L’efficacia del trattamento sembra poter dipendere dall’azione antinfiammatoria degli Omega-3.

Omega-3 per articolazioni
Gli integratori di Omega-3 possono essere utili anche in caso di disturbi che colpiscono le articolazioni. Studi preliminari suggeriscono ad esempio che la loro assunzione possa essere utile contro l’artrosi. Inoltre gli omega 3 esercitano effetti benefici sui marcatori dell’infiammazione nei pazienti affetti da artrite reumatoide, una malattia di origine autoimmune.

Omega 3: benefici per il cervello, depressione
e memoria
Diversi studi clinici e sperimentali suggeriscono che gli Omega-3 siano utili anche per proteggere il buon funzionamento del cervello in età adulta. Gli acidi grassi essenziali Omega-3 sembrano utili per stimolare la memoria e i processi cognitivi, e loro carenze sono state associate alla depressione, alla demenza e ad altri disturbi della sfera psichiatrica.

Omega-3: alimenti o integratori?
I benefici di una dieta ricca in alimenti che contengono Omega-3 sono stati ampiamente dimostrati. Tuttavia, non sempre si riescono a soddisfare i fabbisogni quotidiani di DHA e EPA con la sola alimentazione; per questo gli integratori possono rappresentare un valido aiuto per chi vuole garantirsi una dieta nutrizionalmente equilibrata

Bibliografia:

Kim JH et Al. Conjugated Linoleic Acid: Potential Health Benefits as a Functional Food Ingredient. Annu Rev Food Sci Technol. 2016;7:221-44

Koba K, Yanagita T. Health benefits of conjugated linoleic acid (CLA). Obes Res Clin Pract. 2014 Nov-Dec;8(6):e525-32

Lauritzen L et Al. Maternal fish oil supplementation in lactation: effect on visual acuity and n-3 fatty acid content of infant erythrocytes. Lipids. 2004 Mar;39(3):195-206

MedlinePlus. Omega-3 fats: Good for your heart

MedlinePlus. Omega-3 Fatty Acids

Harris WS. Achieving optimal n-3 fatty acid status: the vegetarian’s challenge… or not. Am J Clin Nutr. 2014 Jul;100 Suppl 1:449S-52S. doi: 10.3945/ajcn.113.071324. Epub 2014 Jun 4

Hartweg J et Al. Omega-3 polyunsaturated fatty acids (PUFA) for type 2 diabetes mellitus. Cochrane Database Syst Rev. 2008 Jan 23;(1):CD003205

Hussein N et Al. Long-chain conversion of [13C]linoleic acid and a-linolenic acid in response to marked changes in their dietary intake in men. J. Lipid. Res. 46: 269-280, 2005

IFOS – The international fish oil standards program

Jeppesen C et Al. Omega-3 and omega-6 fatty acids and type 2 diabetes. Curr Diab Rep. 2013 Apr;13(2):279-88

Johnson EJ et Al. The influence of supplemental lutein and docosahexaenoic acid on serum, lipoproteins, and macular pigmentation. Am J Clin Nutr. 2008 May;87(5):1521-9

Jung JY et Al. Effect of dietary supplementation with omega-3 fatty acid and gamma-linolenic acid on acne vulgaris: a randomised, double-blind, controlled trial. Acta Derm Venereol. 2014 Sep;94(5):521-5

Querques G, Souied EH. The role of omega-3 and micronutrients in age-related macular degeneration. Surv Ophthalmol. 2014 Sep-Oct;59(5):532-9

Report Scientifico: “Gli acidi grassi omega-3”. Nuova Edizione 2014. A cura di Zone Academy in collaborazione con Inflammation Research Foundation di Boston.

Miller PE et Al. Long-chain omega-3 fatty acids eicosapentaenoic acid and docosahexaenoic acid and blood pressure: a meta-analysis of randomized controlled trials. Am J Hypertens. 2014 Jul;27(7):885-96. doi: 10.1093/ajh/hpu024. Epub 2014 Mar 6

Neuringer M et Al. The role of n-3 fatty acids in visual and cognitive development: current evidence and methods of assessment. J Pediatr. 1994 Nov;125(5 Pt 2):S39-47

NIH. Omega-3 Fatty Acids

NIH. Omega-3 Supplements: In Depth

Pawlosky, R. J., et al . Physiological compartmental analysis of alpha-linolenic acid metabolism in adult humans. J. Lipid Res. 42(8):1257-1265, 2001

Poli A. Acidi grassi omega-3 e prevenzione cardiovascolare. Trends in Medicine vol 2 num 3, PPG Edizioni Scientifiche, 2002

Averna MR et Al. Omega 3 e riduzione del rischio cardiovascolare. PPG Edizioni scientifiche, 2003

Fontani G et Al. Cognitive and physiological effects of Omega-3 polyunsaturated fatty acid supplementation in healthy subjects. Eur J Clin Invest. 2005 Nov;35(11):691-9

Germano M et Al. Plasma, red blood cells phospholipids and clinical evaluation after long chain omega-3 supplementation in children with attention deficit hyperactivity disorder (ADHD). Nutr Neurosci. 2007 Feb-Apr;10(1-2):1-9

Gioxari A et Al. Intake of ω-3 polyunsaturated fatty acids in patients with rheumatoid arthritis: A systematic review and meta-analysis. Nutrition. 2018 Jan;45:114-124.e4

Grimble RF, Tappia PS. Modulation of pro-inflammatory cytokine biology by unsaturated fatty acids. Z Ernahrungswiss. 1998;37 Suppl 1:57-65

Saldeen P, Saldeen T. Women and omega-3 Fatty acids. Obstet Gynecol Surv. 2004 Oct;59(10):722-30; quiz 745-6

SINU. Tabelle LARN 2014Baker EJ et Al. Metabolism and functional effects of plant-derived omega-3 fatty acids in humans. Prog Lipid Res. 2016 Oct;64:30-56. doi: 10.1016/j.plipres.2016.07.002. Epub 2016 Aug 3

Berbert AA et Al. Supplementation of fish oil in patients with rheumatoid arthritis. Nutrition. 2005 Feb;21(2):131-6

Bi X et Al. ω-3 polyunsaturated fatty acids ameliorate type 1 diabetes and autoimmunity. J Clin Invest. 2017 May 1;127(5):1757-1771

Bourre JM. Roles of unsaturated fatty acids (especially omega-3 fatty acids) in the brain at various ages and during ageing. J Nutr Health Aging. 2004;8(3):163-74

Burke MF1 et Al. Review of Cardiometabolic Effects of Prescription Omega-3 Fatty Acids. Curr Atheroscler Rep. 2017 Nov 7;19(12):60

Chilton FH et Al. Precision Nutrition and Omega-3 Polyunsaturated Fatty Acids: A Case for Personalized Supplementation Approaches for the Prevention and Management of Human Diseases. Nutrients. 2017 Oct 25;9(11)

Conklin SM et Al. Serum omega-3 fatty acids are associated with variation in mood, personality and behavior in hypercholesterolemic community volunteers. Psychiatry Res. 2007 Jul 30;152(1):1-10. Epub 2007 Mar 23

Drugs.com. Omega-3 Fatty Acid Capsules

EU Register of nutrition and health claims made on foods

Adeyemi WJ, Olayaki LA. Effects of single or combined administration of salmon calcitonin and omega-3 fatty acids vs. diclofenac sodium in sodium monoiodoacetate-induced knee osteoarthritis in male Wistar rats. J Basic Clin Physiol Pharmacol. 2017 Nov 27;28(6):573-582

University of Colorado – Colorado Springs. Omega-3, 6, and 9 and How They Add Up

Zhang M et Al. Fish and marine omega-3 polyunsatured Fatty Acid consumption and incidence of type 2 diabetes: a systematic review and meta-analysis. Int J Endocrinol. 2013;2013:501015

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “WILD AZURE OMEGA 3 PLUS”

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati

WILD AZURE OMEGA 3 PLUS

35,00